E non ti accorgi

Ci si abitua a loro ancor prima di vederli, portandoli per tutti quei mesi nella pancia. In fondo, anche per i papà è un po’ così, ci si interfacciano per interposta persona, li vedono crescere in un luogo che riesce ad assumere dimensioni stupefacenti e che accarezzano quasi con devozione.

Poi eccoli lì, e tutti noi genitori conserviamo nella nostra memoria, come se fosse accaduto un attimo fa, il momento in cui li abbiamo visti per la prima volta.

E da quel momento cominciano a crescere, come una matrioska al contrario, dal piccolo al grande, e prima scompare il neonato, poi il bambino, poi anche l’adolescente se ne va per lasciare il posto al giovane adulto.

Non sono stata in vacanza, nel lasso di tempo intercorso dall’ultimo post. Ho seguito, neanche troppo da vicino perché lei è autonoma, la mia prima bambina, che si è trasformata in una sposa radiosa. Per qualche settimana ho vissuto in una bolla di emozioni travolgenti, in fondo non so neanche bene perché, visto che conviveva già da diversi anni.

 

Ho riflettuto a lungo, se sia stata più forte l’emozione di vederla per la prima volta neonata o quella di ammirarla sposa. E credo di propendere per la seconda possibilità. Perché al suo matrimonio, intorno a lei c’erano tutte le persone che l’hanno accompagnata da quando è venuta al mondo, o che hanno condiviso con lei il diventare grandi. Essere dentro un rito è già di per sé un momento importante, ma percepire mia figlia, i suoi fratelli, la nostra famiglia e tutti gli amici come parte di un unicuum affettivo è stata un’esperienza profonda e bellissima.

Che mi conferma quello che ho sempre pensato; forse più sperato che pensato… E cioè che chi semina alla fine raccoglie. Che i nostri figli sono davvero lo specchio nostro. E a me quello che ho visto riflesso in quest’occasione è piaciuto moltissimo.

 

Adesso la vera domanda è: qualcuna si prenderà anche i due maschi?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *