Figli e padri

La ripetizione del titolo dell’ultimo post ma con i termini invertiti non vuole essere un gioco di parole ma ha l’obiettivo di spostare l’attenzione tra i due ruoli protagonisti, quello del padre e quello del figlio. Nel post precedente, a venire prima è il padre perché è la figura attiva intorno alla quale ruota l’articolo: cosa sarebbe bene facessero i padri per.

Oggi invece partiamo dai figli: cosa succede ai figli se i padri non.

A livello di letteratura, scientifica e divulgativa, è stato detto moltissimo sulla figura del padre (qualche suggerimento lo trovate anche nella nostra sezione bibliografica). Senza voler entrare nel merito e nel dettaglio di un argomento così vasto e complesso, possiamo partire da quello che viene presentato come un dato di fatto oggettivo,cioè la perdita dell’ autorità e dell’autorevolezza paterne. Entrambi questi termini derivano dal latino augere, che significa “crescere, accrescere, arricchire”; il loro senso riferito all’educazione è quindi molto chiaro.

L’autorità e l’autorevolezza hanno a che fare con l’etica, cioè quella dottrina che si occupa del comportamento umano riferito alle scelte morali e che è stata tradizionalmente incarnata dalla figura del padre. Detto così sembra un concetto filosofico difficile e astratto, ma ci viene in aiuto proprio un filosofo, Kierkegaard, quando nel suo libro “Aut-aut” racconta questo di suo padre:

La mia infanzia è stata fortunata… mi ricorda mio padre, che mi ha insegnato che la cosa principale è l’impressione totale dei doveri, non la loro molteplicità. La moltitudine dei doveri svuota e rimpiccolisce l’individuo. Da bambino ero felice perché non avevo mai tanti doveri, ma uno solo… Sapevo che il mio compito era andare a scuola. D’altra parte godevo la mia libertà, conoscevo un dovere solo, quello di badare alla mia scuola, e a questo riguardo ero io il solo responsabile. Ero esente da ogni rimbrotto paterno. Non mi domandava mai delle mie lezioni, non me le provava mai, non guardava mai i miei compiti, non mi ricordava mai che era ora di studiare, o che era ora di smettere, non veniva mai in aiuto alla coscienza dello scolaro. Se dovevo uscire, mi chiedeva prima se avevo il tempo di farlo; ma questo lo decidevo io, non lui, e le sue domande non indugiavano mai sui particolari. Che egli d’altra parte si interessasse molto di quello che facevo ne sono sicuro, ma non se ne faceva mai accorgere perché il mio spirito potesse maturare con la coscienza della propria responsabilità. Così ricevetti un’impressione profonda del fatto che esiste qualcosa che si chiama dovere, e che ha un valore eterno”.

Un esempio quotidiano, che riguarda tutti noi, genitori e figli, e spiega in modo chiaro cos’è la dimensione etica che dovremmo veicolare attraverso l’educazione. Oggi invece, dice Pietropolli Charmet “Con la perdita del padre, il custode dell’etica della crescita, del rispetto delle leggi e delle tradizioni, al contesto etico i nostri figli preferiscono il contesto estetico (che, semplificando, potremmo deifnire come la “dimensione del bello”). Scomparsa l’autorità del padre i bambini, gli adolescenti e i post-adolescenti hanno preso il potere”. E cercano di riempire gli spazi lasciati vuoti con i mezzi che hanno a disposizione: il gruppo dei pari e internet.

Questa lunga, e spero non troppo tecnica premessa, è la base di partenza per le nostre prossime riflessioni, che si concentreranno sul gruppo dei pari, la struttura e il funzionamento dei loro cervelli, il loro modo di cavalcare le onde e le mode del web. Che, sempre più spesso, tende a trasformarsi in Far Web (la definizione è di Alessia Cruciani, giornalista e autrice di libri per ragazzi).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *