Il cervello “spinoso” dell’adolescenza

Chi c’è dall’altra parte della fune, nel tiro a due che abbiamo tratteggiato nell’ultimo post? O meglio, chi c’è lo vediamo e non ci è completamente estraneo, è tanto cresciuto ma ha ancora qualcosa di quel bambino che conosciamo ormai da anni. Piuttosto, cosa c’è dentro la testa di quel quasi ex bambino?

La domanda non è retorica, ed esiste una risposta precisa, offertaci dalle sempre più accurate e indispensabili neuroscienze, che ci illustrano le caratteristiche comuni a tutti i cervelli degli adolescenti e ci aiutano a capire chi strattona dall’altra parte. È soprattutto il suo corpo a crescere, in un bambino in scadenza, mentre il suo modo di pensare, e dunque di agire, cambia più lentamente: la maturazione del suo cervello ha tempi più lunghi rispetto a quella del corpo.

Vediamo come.

Sulla soglia della pubertà, cioè intorno ai 12 anni, il cervello di un ragazzino è “troppo” ricco di neuroni e di sinapsi . Durante gli anni dell’infanzia le sue cellule e le loro interconnessioni sono cresciute a dismisura, come dimostrano l’apprendimento vorace e la curiosità insaziabile ma disordinata con cui il bambino approccia il mondo .

Sovrabbondanza, dunque, ma anche incompleta maturazione: potremmo dire che neuroni e sinapsi si aggrovigliano in guazzabugli selvaggi.

Quando il numero di neuroni comincia a diminuire, il disordine inizia a dipanarsi e la quantità decresce a favore della qualità: entro i 20/25 anni, il volume della materia grigia è diminuito del 40%, le sinapsi si sono ridotte ma si sono irrobustite e ordinate. In un certo senso, sono diventate più “educate” e più efficienti. Tale processo di “disboscamento” si chiama pruning, che significa “potatura” e proprio come la potatura serve a rendere più forte e quindi a crescere meglio. In questo caso, però, non si tratta di sfoltire una siepe in poche ore: il processo è lunghissimo, si snoda attraverso gli anni di questa fase così delicata della vita, come possiamo dedurre dai comportamenti dei nostri figli.

Questa situazione di eccesso numerico insieme alla incompleta maturazione spiegano bene le tempistiche dello sviluppo del senso morale e del senso del limite che termineranno il loro complesso e articolato cammino verso la maturità solo intorno ai 20 anni, proprio sul finire del pruning. Mentre sotto i 10 anni si rispettano le regole solo per paura della punizione stabilita nei confronti di chi la trasgredisce, dai 13 ai 20 anni inizia molto lentamente a svilupparsi e a rafforzasi il senso del limite e il rispetto delle norme. Quando tale processo sarà completato si rispetteranno le regole per rispondere alle aspettative positive della comunità della quale si condividono i valori e non perché si teme la sanzione prevista.

I nostri adolescenti sono dunque condizionati dall’immaturità dei loro sistemi neuronali. Noi adulti possiamo allora meglio comprendere i comportamenti a rischio, l’assenza di senso critico, del senso del limite e della paura e la ricerca spasmodica del piacere e della gratificazione. Se solo all’inizio dell’adolescenza comincia la fase maturativa dello sviluppo del senso critico , cioè della capacità di percepire e valutare le conseguenze delle proprie azioni, allora è chiaro che l’adolescente è incosciente, in senso letterale, perché non ha piena coscienza delle conseguenze delle sue azioni, ma ha la fortissima attrazione per i comportamenti che gli danno una gratificazione intensa e immediata: ecco perché sino al termine del pruning alcool, sesso e droghe sono, in un certo senso, “obiettivi fisiologici”…

“Un ragazzo è, di tutte le bestie selvagge, la più difficile da trattare”, diceva Platone. Aveva sicuramente ragione, come ben sa chi, tutti i giorni, è chiamato a misurarsi al tiro alla fune. Anche se è stanco, anche se non ne ha voglia, anche se vorrebbe abbracciare il suo avversario e pregarlo di smettere. Pensare a cosa passa nella sua testa mentre tira con tutte le sue forze, ci può aiutare: quando rispondiamo ai suoi strattoni, ripetiamoci che in questi momenti stiamo condividendo con lui lo sfoltimento della massa selvaggia di cellule che appesantisce il suo cervello e lo stiamo quindi sostenendo in un faticoso cammino verso una più sostenibile leggerezza.

Foto Yannik Oetiker

L’abbraccio che scioglie

Una delle maggiori difficoltà quando ci si confronta in modo non pacifico con il figlio adolescente è la gestione della rabbia. Sua e nostra. In questi casi, riuscire ad attuare una comunicazione efficace ed efficiente, assertiva e non distruttiva, è molto impegnativo.

Vedremo in un altro momento come il cervello degli adolescenti sia in grande subbuglio, esattamente come il loro aspetto fisico: i lobi frontali sono l’ultima zona del cervello a raggiungere la maturazione ma sono anche l’area in cui si sviluppano e si stabilizzano il giudizio, la pianificazione, il saper aspettare il soddisfacimento di un bisogno, la capacità di giudizio, l’empatia.

Quindi, di fronte a un figlio adolescente che perde il controllo, che sembra non saper più ragionare, spesso la comunicazione arriva a un punto morto. Il piano della comunicazione verbale, razionale, tende a spostarsi verso quello della comunicazione non verbale, emotiva, soprattutto da parte del figlio: se non riusciamo a cogliere questo slittamento e non adottiamo gli strumenti adatti a gestire la situazione, di solito la comunicazione si chiude e il conflitto rimane “appeso”, irrisolto. O, peggio, il conflitto perde il suo valore di confronto costruttivo e si trasforma in una lotta fine a sé stessa, destinata a intorcinarsi sempre di più. Di solito, in questi momenti i nostri figli non sono affatto interessati a un tipo di comunicazione razionale, ai nostri consigli o alle nostre opinioni. Se noi invece insistiamo in questo senso, ci troveremo davanti a un muro. Che probabilmente farà nascere anche in noi un senso di rabbia, di frustrazione per la mancanza di una via di uscita. E come tutti gli animali che vengono messi all’angolo e si vedono privati di una qualsiasi way out, anche noi adulti a questo punto perdiamo il controllo.

È qui che dobbiamo imperare il tempismo del silenzio o di una comunicazione non verbale. Dice una delle madri che ha partecipato ai nostri focus group: “Quando mio figlio ha un problema che lo mette in difficoltà, siccome è molto riservato spesso non mi spiega niente, non mi parla ma poiché c’è un rapporto fisico-affettivo molto buono magari mi viene vicino e, semplicemente, mi abbraccia”.

Ed ecco che siamo arrivati di nuovo al valore di un abbraccio. Che con gli adolescenti, più che contenere come fa con i capricci dei bambini, “scioglie: la rabbia, la frustrazione, il dolore, nostri e loro.

Impariamo quindi, noi che abbiamo un cervello ormai maturo e stabile, a sviluppare quella giusta sensibilità che ci aiuti a cogliere l’attimo, a capire quando è il momento di chiudere la bocca, abbassare i toni e accogliere in altro modo la fatica di crescere dei nostri figli.

(Foto di Marco Bianchetti)