Tiro a due

 

 

TIRO A DUE

Ed eccolo qui, l’adolescente che viene da lontano. Un ex bambino che, come abbiamo accennato nel nostro ultimo post, se ha dei genitori che sin da quando era piccolo hanno abdicato al ruolo genitoriale, non riuscirà a orientarsi nel difficile perimetro delle regole e dei confini indispensabili per la convivenza sociale e quindi per il diventare adulti.

Nei focus group che abbiamo condotto prima di scrivere il nostro libro, avevamo avuto diverse testimonianze su questo punto, che sono state riportate nel capitolo intitolato “Delle regole e delle pene”. Ne citiamo qualcuna a titolo esemplificativo:

Mio marito e io siamo figli del ’68 e per questo abbiamo concesso a nostro figlio troppa libertà. Oggi, a 35 anni, ci ha rinfacciato che lui di tutta quella libertà non sapeva cosa farsene, al punto di esserne rimasto destabilizzato. ‘Volevo avere due genitori, noi due amici’, ci ha rimproverato”.

 

L’autonomia di movimento che i miei genitori mi hanno imposto da quando avevo 10 anni mi terrorizzava: ero una bimbetta timida e magrolina, con poca propensione all’avventura. Andare in treno da sola, per esempio, anche se i viaggi erano brevi, era una prova cui avrei rinunciato volentieri. E dire che invece i miei coetanei mi invidiavano…”

 

È sull’onda di queste stesse riflessioni e partendo sempre dal punto di vista dell’adolescente, che più di recente, nel 2015, la psicologa e blogger statunitense Gretchen Schmelzer ha scritto una lettera dal titolo “La lettera che il tuo adolescente non può scriverti”. Ne riportiamo alcuni punti, che fanno capire in modo estremamente efficace come senza un’autorevolezza ben salda di fronte, il faticoso passaggio che porta l’adolescente a cancellare il “dolcissimo bambino” che è stato per tratteggiare il profilo di un giovane adulto diventa ancora più doloroso.

 

Allora, quando capita che il conflitto che ci si para davanti ci risulti insostenibile, perché siamo stanchi o preoccupati su altri fronti, cerchiamo dentro di noi l’energia necessaria per affrontarlo. Perché solo accettando il conflitto senza porgere l’altra guancia aiutiamo nostro figlio a diventare grande. E se a tirare un capo della fune c’è un adolescente maschio, il competitor migliore per lui sarà il padre o, in sua vece, altri maschi adulti: un allenatore sportivo, un insegnante, il prete open minded dell’intramontabile oratorio.

 

Caro Genitore,

di questa battaglia in cui siamo ora io ne ho bisogno. Io ho un bisogno disperato di questa lotta.

Ho bisogno di questo conflitto, anche se, nello stesso momento, lo detesto. Non importa nemmeno su cosa stiamo a litigare: sull’ora di rientro a casa, sui compiti, i vestiti sporchi, sulla mia stanza disordinata, sull’uscire, sul restare a casa, sull’andare via di casa, vivere in famiglia, fidanzato, fidanzata, sul non avere amici, o sull’avere cattivi amici. Non ha importanza. Ho bisogno di litigare con te su queste cose e ho bisogno che tu lo faccia con me.

Ho disperatamente bisogno che tu mantenga l’altro capo della corda. Che lo mantieni forte mentre io strattono l’altro capo dalla mia parte, mentre cerco di trovare appigli e punti d’appoggio per vivere questo mondo nuovo in cui mi ritrovo. Prima sapevo chi ero, chi eri tu, chi eravamo noi. Adesso non lo so più. In questo momento sono alla ricerca dei miei confini e a volte riesco a trovarli solo quando tiro questa fune con te. Quando spingo tutto quello che conoscevo al suo limite. Lo so che ti manca quel dolcissimo bambino che ero. Lo so, perché quel bambino manca anche a me e a volte questa nostalgia è quello che rende tutto così doloroso in questo momento.

Per favore, resta dall’altro capo della fune. Sappi che stai facendo il lavoro più importante che qualcuno possa mai fare per me in questo momento.

 

L’abbraccio che scioglie

Una delle maggiori difficoltà quando ci si confronta in modo non pacifico con il figlio adolescente è la gestione della rabbia. Sua e nostra. In questi casi, riuscire ad attuare una comunicazione efficace ed efficiente, assertiva e non distruttiva, è molto impegnativo.

Vedremo in un altro momento come il cervello degli adolescenti sia in grande subbuglio, esattamente come il loro aspetto fisico: i lobi frontali sono l’ultima zona del cervello a raggiungere la maturazione ma sono anche l’area in cui si sviluppano e si stabilizzano il giudizio, la pianificazione, il saper aspettare il soddisfacimento di un bisogno, la capacità di giudizio, l’empatia.

Quindi, di fronte a un figlio adolescente che perde il controllo, che sembra non saper più ragionare, spesso la comunicazione arriva a un punto morto. Il piano della comunicazione verbale, razionale, tende a spostarsi verso quello della comunicazione non verbale, emotiva, soprattutto da parte del figlio: se non riusciamo a cogliere questo slittamento e non adottiamo gli strumenti adatti a gestire la situazione, di solito la comunicazione si chiude e il conflitto rimane “appeso”, irrisolto. O, peggio, il conflitto perde il suo valore di confronto costruttivo e si trasforma in una lotta fine a sé stessa, destinata a intorcinarsi sempre di più. Di solito, in questi momenti i nostri figli non sono affatto interessati a un tipo di comunicazione razionale, ai nostri consigli o alle nostre opinioni. Se noi invece insistiamo in questo senso, ci troveremo davanti a un muro. Che probabilmente farà nascere anche in noi un senso di rabbia, di frustrazione per la mancanza di una via di uscita. E come tutti gli animali che vengono messi all’angolo e si vedono privati di una qualsiasi way out, anche noi adulti a questo punto perdiamo il controllo.

È qui che dobbiamo imperare il tempismo del silenzio o di una comunicazione non verbale. Dice una delle madri che ha partecipato ai nostri focus group: “Quando mio figlio ha un problema che lo mette in difficoltà, siccome è molto riservato spesso non mi spiega niente, non mi parla ma poiché c’è un rapporto fisico-affettivo molto buono magari mi viene vicino e, semplicemente, mi abbraccia”.

Ed ecco che siamo arrivati di nuovo al valore di un abbraccio. Che con gli adolescenti, più che contenere come fa con i capricci dei bambini, “scioglie: la rabbia, la frustrazione, il dolore, nostri e loro.

Impariamo quindi, noi che abbiamo un cervello ormai maturo e stabile, a sviluppare quella giusta sensibilità che ci aiuti a cogliere l’attimo, a capire quando è il momento di chiudere la bocca, abbassare i toni e accogliere in altro modo la fatica di crescere dei nostri figli.

(Foto di Marco Bianchetti)