Un diritto lecito (e un po’ invidiabile…)

 

 

 

 

Chiunque scriva per lavoro sa quanto sia difficile la sintesi: un titolo, una didascalia, uno slogan, non si è mai bravi abbastanza per riuscire a veicolare un messaggio o un’informazione nel minor numero possibile di parole e nel modo più efficace e accattivante. A volte però si riesce a farlo senza pensarci, quasi per caso, forse semplicemente grazie alla convinzione profonda di essere nel giusto. È successo ieri a mio figlio piccolo, quello di 17 anni, che ormai da diverso tempo si trascina nell’indolenza più totale, beandosi e crogiolandosi nella sciatteria concessa all’adolescenza.

Dovevo partire per il fine settimana e stavo recitandogli il solito elenco di raccomandazioni, peraltro regolarmente disattese. La sua frase preferita da un po’ di tempo a questa parte è “Lasciami in pace”, che ha un’enorme azione respingente e in sole tre parole chiude qualunque porta. Questa volta però, bombardato e affondato dal peso delle mie richieste, a un certo punto ha intonato una sorta di peana, ululando questa frase: “Ho 17 anni, lasciatemi fare schifo!”.

Mi sono girata dall’altra parte perché mi veniva da ridere e ho pensato “Ha proprio ragione!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *